La vendemmia: a macchina o manuale?

La vendemmia è da secoli il momento più importante dell’anno!

La vendemmia è il momento in cui l’uva del vigneto, coltivata durante tutto l’anno, viene raccolta e portata in cantina per iniziare il processo di vinificazione, che trasformerà il mosto in vino.

La fermentazione alcolica dentro alle vasche d’acciaio trasformerà lo zucchero presente nei mosti in alcool, anidride carbonica e calore.

Vino!

La vendemmia dall’antichità ad oggi

Fin dall’antichità, la vendemmia è stata celebrata con dei banchetti e nell’antica Roma, per questa ricorrenza, era di buon auspicio celebrare feste in onore del Dio Bacco.

I contadini si affidavano alla conoscenza degli anziani per decidere quando era il momento perfetto per vendemmiare. Questi ultimi erano in grado di valutare il grado di maturazione delle uve tramite semplici assaggi!

Tra le famiglie contadine, esisteva anche una sorta di gara nella quale il vincitore era colui che era riuscito a vendemmiare i filari più rapidamente degli altri.

Ovviamente non esistevano macchine per la vendemmia.

Si, perchè da qualche decennio la raccolta dell’uva è meccanica, effettuata attraverso macchine vendemmiatrici. In questo modo il processo diventa certamente molto più rapido ed efficiente!

Ma…

Tornando alla saggezza degli anziani: chi va piano…

La vendemmia in Cantina il Poggio

Qui in Cantina il Poggio ci affidiamo al nostro Luca che conosce questi vigneti meglio di casa sua – anche perché passa qui molte più ore! – che personalmente gira e controlla filare per filare le maturazioni.

Oltre ai suoi assaggi poi ci sono le analisi di laboratorio, che servono a confermare o smentire – più spesso la prima fortunatamente – le intuizioni di Luca, frutto dello studio da enologo e agronomo, ma anche della sua grande esperienza lavorativa.

Qui abbamo deciso tanti anni fa, di fare solo ed esclusivamente vendemmia manuale. Questo non solo per mantenere un legame con il passato e con le nostre antiche tradizioni, ma anche per garantire la massima qualità e l’eccellenza dei nostri prodotti finali. Le macchine infatti, nonostante si avvalgano di una maggiore velocità produttiva, comportano un maggior rischio di rovinare i grappoli durante la raccolta.

Lo scuotimento che queste macchine fa sulle viti, rovina comunque un minimo gli acini, e porta allo sviluppo di fermentazioni non volute, non controllate e quindi non gradite!

Poi, c’è la questione della scelta, la cernita dei grappoli: solo i grappoli più belli possono essere trasformati in vini di qualità, e non esiste – ancora – macchina capace di battere un esperto vendemmiatore in questo.

I grappoli possono presentare muffe o altri problemi, che metterebbero anch’essi a rischio le fermentazioni, e quindi costringerebbero magari ad un utilizzo più aggressivo dell’enologia in Cantina.

La vendemmia: il vino si fa in vigna

L’idea di fondo è sempre quella: il vino si fa in vigna.

Se Luca lavora un anno per ottenere le migliori uve possibili, non sarà mai tentato dal rovinarle in ultimo!!!

Cerchiamo di dare sempre vini che siano corerenti con il vigneto e che siano quanto più autentici di quello che è il nostro lavoro anche perchè ne abbiamo un grande orgoglio.

Per noi la direzione è solamente questa: ci costa ore di lavoro, fatica, sudore e stress, ma tutto viene dimenticato al momento del completo conferimento delle uve e del brindisi al vino che verrà.

La nostra vendemmia manuale

Link utili:

Il vino dell’antica Roma

http://www.dicantinaincantina.it/-/il-vino-dell-antica-roma-lo-sviluppo-della-viticultura#:~:text=Secondo%20gli%20scritti%20di%20Columella,dal%20colore%20scuro%20dei%20vinaccioli.

Le fasi della vendemmia

https://www.svinando.com/periodo-fasi-e-procedimento-della-vendemmia

Il vigneto della Cantina il Poggio

https://cantinailpoggio.it/i-vigneti/

La storia della Cantina il Poggio

https://cantinailpoggio.it/la-storia/

Post a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.